Come promesso in più articoli, ecco una breve recensione al libro di John Green e David Levithan “Will ti presento Will”. 

Iniziamo col dire che questo libro non mi ha entusiasmata più di tanto; vuoi perché mi sarei aspettata di più da John Green, dopo le letture di “Colpa delle Stelle”, “Cercando Alaska”, o “Città di carta”; vuoi perché la scrittura e il tipo di lessico sono molto banali e semplici; vuoi perché – forse benché il contesto sia un ambito scolastico-  i sentimenti e le emozioni dei personaggi sono stati descritti in modo “infantile” e/o tralasciati del tutto.
Però non è tutto da scartare, anzi!
Il lessico semplice ha dato modo che la lettura fosse scorrevole: non mi sono mai dovuta fermare a rileggere qualche frase, né tanto meno mi sono annoiata nel corso della lettura.

Scritto in prima persona, così come i capitoli successivi, il primo ci mette subito sotto l’occhio Tiny Cooper, il migliore amico gay di Will Grayson.
Tiny Cooper è la persona più grossa sulla faccia della terra, che Will abbia mai potuto vedere ( considerando che non è mai uscito fuori da Chicago); e Will stesso si meraviglia – ogni mattina- come questo essere tanto grande e grosso possa entrare nel suo piccolo banco.
Tiny Cooper è anche il presidente del GSA, il club pro-gay della scuola, della quale fanno parte solo due etero: Will e Jane.
Will Grayson segue solo due regole 1. Fregatene e 2. Stai zitto.
Will crede che seguendo queste due regole potrà vivere la sua vita solitaria e felice.
Due regole che però stenta a seguire ritrovandosi poi “nella merda” .

L’Altro Will Grayson è un ragazzo gay, depresso, senza vita sociale.
L’unico momento in cui si sente felice è quando chatta via internet con Isaac, il suo amico gay, mai visto in vita sua, che vorrebbe incontrare.
L’a.w.g. ha un’amica/ex amica/epoidinuovoamica, di nome Maura.
Maura va’ dietro l’a.w.g. senza sapere che lui è gay, ma crede che lo sia, sebbene lui non gliel’ abbia voluto mai confessare.

Un giorno, quando Will è stato lasciato solo da Tiny e Jane – che sono andati al concerto per maggiorenni con la loro patente falsa senza di lui, benché avesse una falsa patente falsa-  e l’a.w.g è andato a Chicago per incontrare Isaac – e qui non vi spoilero nulla-, i due si incontrano da Frenchy’s, un sexy shop ( Si avete letto bene).
Ma non vi dirò più nulla, se vi ho incuriosito almeno un po’ correte in libreria o scaricatelo in pdf!
Come vi ho detto la scrittura ed il lessico sono molto semplici, ma John e David credo abbiano voluto immedesimarsi ancora di più nei due Will, cercando di scrivere come due adolescenti.
Beh fatemi sapere se l’avete già letto, o se avete intenzione di leggerlo!
Alla prossima!
Debbi96