Crea sito

Anne di Tetti Verdi, Lucy Maud Montgomery

Titolo: Anne di Tetti Verdi
Titolo Originale: Anne of Greengables
Autrice: Lucy Maud Montgomery
Casa Editrice: Lettere Animate
Traduzione a cura di Enrico de Luca
Pagine: 320

Anne Shirley,  una bambina vivace, allegra, ricca di fantasia e sogni da realizzare, arriva per sbaglio a Tetti Verdi, adottata dai fratelli Matthew e Marilla Cuthbert. 
Anne è uno spirito affine, parla molto, spesso utilizzando paroloni che non si addicono ad una bambina, ama la lettura e la scrittura, ama perdersi nelle sue fantasie ed immaginare regni di fate; Anne si diverte a dare nomi alle cose che conosce, ad immaginare che il lago sia dalle Acque Scintillanti, e un viale il Bianco sentiero della Delizia. 
Anne imparerà l’arte di amare e di essere amata, che la vita va vissuta in pienezza,  e scoprirà che l’immaginazione non va nascosta, ma coltivata.

«Beh» spiegò Anne «Oggi ho appreso una lezione nuova e preziosa. Da quando sono arrivata a Tetti Verdi ho fatto degli sbagli, e ogni sbaglio ha contribuito a guarirmi da qualche grande difetto. La faccenda della spilla di ametista mi ha guarito dal vizio di toccare cose che non mi appartengono. Lo sbaglio del Bosco Infestato mi ha guarito dal permettere alla mia fantasia di sfuggirmi di mano. L’errore della torta allo sciroppo mi ha guarito dalla distrazione in cucina. 
Tingere i capelli mi ha guarito dalla vanità. […] E l’errore di oggi mi guarirà dall’essere troppo romantica. […]» […] Ma Matthew, che era stato seduto in silenzio nel suo angolo, posò una mano sulla spalla di Anne quando Marilla se ne fu andata. 
«Non rinunciare a tutto il tuo romanticismo, Anne» sussurrò timidamente, «un po’ è una cosa… non troppo, certo… ma conservane un po’, Anne, conservane un po’.»

Ho iniziato a leggere Anne a Novembre, incuriosita ed ammaliata dalla sua vivacità ed allegria, sentivo che mi stesse chiamando, e già immaginavo come sarebbe stato bello far parte per un po’ del suo mondo.
Leggendo è stato come se fossi tornata anche io bambina, mi sono rivista nel suo amore alla vita, nel suo romanticismo, nella sua immaginazione ed anche nella tipica frase “Anne con la e”, anche io mi presentavo con “Deborah con l’ h”. 

Anne è uno spirito libero, è dolce, è con la testa per aria, è un po’ impacciata quando si perde nelle sue fantasie, ma Anne impara dagli sbagli e cerca sempre di non commetterli, vuole essere buona per piacere agli altri. 
Anne è ricca di obiettivi e scopi;
Anna ama studiare ed apprendere, è competitiva, è un po’ vanitosa;
Anne non ama i suoi capelli rossi e le sue lentiggini, ma vuole imparare a farlo. 
In Anne di Tetti Verdi siamo noi che impariamo ad amare lei, leggiamo della sua forza, della sua tenacia, leggiamo della sua fragilità, leggiamo di piccole sfide quotidiane che affronta una bambina di dodici anni e la vediamo crescere fino a diventare una ragazza di sedici.
Anne arriva a Tetti Verdi felice che qualcuno l’abbia scelta. 
Cresciuta di famiglia in famiglia non ha mai avuto una casa sua, ed arrivare dai Cuthbert è per lei l’inizio di una nuova vita. 
Certo, non con poche difficoltà.
Anne imparerà ad amare e si guadagnerà l’affetto di Matthew e Marilla che la cresceranno come due genitori crescono la propria figlia. 
Questa è una lettura che custodirò sempre nel mio cuore, mi ha insegnato molto e mi ha dato molti spunti di riflessione, è una lettura che tocca il cuore. 
Anne vi toccherà il cuore.
Vi consiglio questa edizione di Lettere Animate a cura di Enrico De Luca, ricca di note a piè di pagina, una traduzione al limite della perfezione.



«Beh, io non voglio essere nessun’altra che me stessa, anche se non sarò confortata dai diamanti per tutta la vita» dichiarò Anne «Sono proprio contenta di essere Anne di Tetti Verdi, con la mia collanina di perle. So che Matthew mi ha dato molto più amore regalandomela di quanto non ce ne sia in tutti i gioielli di Madame la Signora in Rosa.»

Voto
5/5

Pubblicato da thebeautyandapileofbooks

Deb/ '96/ RC